italy
×
seguici su

MEDUNO e le sue storie

Virtualmente tra i monti...




 

Casera Teglara
Sorge nella vasta conca compresa tra le cime del Teglara, della Sciara del Valcalda, la vetta piú alta delle montagne comprese tra la Val Tramontina e la Val d’ Arzino. Ristrutturata nel 1999, la casera è in grado di offrire un ottimo punto di appoggio con possibilità di pernottamento. È dotata di una stanza principale con caminetto, tavolo e panche e di un’altra stanza con una piccola cucina. Una scala porta al sottotetto dove ci sono tre materassi. All'esterno c’è una tettoia con spazio per accendere il fuoco.
L’accesso piú breve per Casera Teglara é dalla val Preone tramite la rotabile forestale dagli Stavoli Pié della Valle seguendo il segnavia CAI 826 (2h 30 di percorrenza) su percorso turistico. Il percorso è perlopiù nel bosco.
Forse non tutti sanno che la casera, anche se è situata in comune di Tramonti di Sotto, ai tempi era stata venduta dall’anziana proprietaria al Comune di Meduno. Negli archivi comunali vi sono dei documenti che attestano che già dal 1854 il Comune di Meduno dava in affidamento il pascolo e metteva in vendita il bosco.

(testi tratti dai siti web: SentieriNatura, CAIfvg, archivio Comune di Meduno)

 

Storie di paese è il titolo di questa raccolta: un albo illustrato che nasce dal desiderio di far conoscere agli alunni della Scuola Primaria di Meduno storie, leggende, filastrocche di un lontano passato raccontate da nonni, bisnonni e genitori affinché nulla venga perduto: imparare ad ascoltare voci e a rappresentare con acqua e colori luoghi, genti, emozioni; mantenere viva la tradizione popolare, la narrazione, la memoria della lingua friulana in quanto patrimonio da salvaguardare; contribuire a mantenere attivo il legame con il territorio e la collaborazione con le famiglie per la realizzazione di un progetto comune. Questi i principali obiettivi del percorso artistico-narrativo intitolato “Immagini-Amo” pensato per i bambini della nostra Scuola. Per loro il collegamento acqua presente nel territorio e acqua per illustrare è divenuto fonte di nuova conoscenza: la fantasia e la creatività dei bambini sono state evocate dai racconti dei nonni, sapientemente valorizzate dalla sensibilità, dalla competenza e dalla passione dell’illustratrice Michela Occhi e infine tradotte nelle meravigliose atmosfere dell’acquerello…emozioni uniche e preziose, come solo i bambini sanno dare…
Le insegnanti

Le fiabe raccontate nel libricino sono:
Il serpente con la cresta - La chiesetta di Sottomonte - Luna Luna - Pipetta buon soldà - Sior Plevàn - Il cjan cjaleâr - Toni di Mont - La volpe e la lumaca - Il cane, il gatto e il contratto - Il drago dalle 7 teste - Tunin dal Maj

La pubblicazione è frutto di un laboratorio artistico creativo tenuto da Michela Occhi durante l' a.s. 2018/2019 presso la Scuola Primaria “A. Manzoni” di Meduno, Istituto Comprensivo “A. Andreuzzi” di Meduno. E' stata realizzata con il contributo del Comune di Meduno e del Circolo Culturale "Tiziana Marsiglio" di Meduno.

(Video realizzato "in casa" da Ecomuseo Lis Aganis e Salamandre srl)

 >> GUARDA QUI LE LETTURE NARRATE! 
 PARTE 1 
 PARTE 2 







 
Top